IL GIORNALINO - Cambia immagine alla tua azienda

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Russia, due esplosioni nella metro di San Pietroburgo: almeno 10 morti

Pubblicato da in Notizie dai Blog ·
Tags: attentatorussiaSanPietroburgo
Almeno 10 i morti. Lo riportano diversi media russi. Gli scoppi si sarebbero verificati all'interno dei vagoni. Non è chiaro al momento quale siano le cause delle esplosioni.

03 Aprile 2017 San Pietroburgo

Su alcune foto pubblicate sui social media si vedono dei vagoni della metro sventrati e corpi sulle banchine. Una prima esplosione c'è stata nelle stazioni di Sennaya Ploshchad e Sadovaya, mentre una seconda si è verificata in un vagone alla stazione del Tekhnologicheskiy Institut. Sette fermate sono state chiuse e sono in corso le operazioni di evacuazione.

Il presidente russo Vladimir Putin - che si trova Strelna, nei pressi di San Pietroburgo, dove ha in programma un incontro con il presidente bielorusso Alexander Lukashenko - è stato informato delle esplosioni nella metropolitana. Secondo il Cremlino, non sono previsti al momento cambiamenti nell'agenda del presidente. Lo riporta Rossyia 24.



MONEYBOX TV L'ILLUSIONE DI GUADAGNARE

Pubblicato da in News Tecnologiche ·
Tags: TRUFFAMONEYBOXTVDECODERTVTECNOLOGIA
MONEYBOXTV FINISCE IL SOGNO E L'ILLUSIONE DI GUADAGNO GUARDANDO LA TV DI CASA

Circa un anno fà venne proposto ad un amico il rivoluzionario Decoder MoneyBoxTv il primo ed unico decoder capace di cambiare la vita delle famiglie.
Il motivo ? Chi di noi non guarda mediamente un ora al giorno la propria televisione, quindi immaginate di generare un guadagno passivo solo dalla visualizzazione di semplici spot TV non invasivi che coprono il 30% dello schermo e che per ogni piccolo spot voi possiate guadagnare.
Fantastico No ????
OCCHIO ALLE FUFFE ONLINE
Peccato che il mio amico ha pagato questo Decoder la modica cifra di € 399 per un valore dell'oggetto di poco più di € 50,00 (questi dec. si trovano in internet su Amazon, oppure siti Cinesi) quindi l'azienda ha guadagnato circa € 350,00 solo per aver rifilato "il pacco".
Si un pacco vero e proprio, il mio amico  ha usato il MoneyBoxTv per mesi e non ha mai generato nemmeno un €cent. di guadagno, non solo il Decoder non ha mai funzionato come si deve mandando spesso in blocco l'HDMI del suo Televisione, Navigazione Lentissima anche per utlizzarlo come un semplice decoder per trasformare la Tv in Smart TV.
Direte a noi che importa ? La notizia è questa MONEYBOXTV ha chiuso il proprio sito senza dare nessuna comunicazione.
Adesso chi ha acquistato questi decoder che cosa dovrebbe farci ?
Non solo, chi gestiva l'azienda si è rigenerato in un altro progetto identico con un nuovo decoder rivoluzioanario etc. etc.
Insomma gente Occhio, perché davvero la "FUFFA" stà proprio dietro l'angolo...altro decoder valore poche decine di Euro venduto a centinaia di Euro, prima doveva trasformare la tv in una smart tv ora trasformerà la vostra Tv addirittura in un Computer.
Sarà vero ? Di certo chi ha pagato il conto e pure salato spero non cada di nuovo in questo giochino che serve solo ad arricchire i furbetti che generano questi network innovativi che portano solo guadagno nelle loro tasche.


SE TI E' PIACIUTO L'ARTICOLO COMMENTALO E CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI





Non servirà più lavorare con questo sistema ... Se mi dai € 390 tra due anni ti regalo € 7000,00

Pubblicato da in Notizie dai Blog ·
Tags: dexcarcardreamnetworkponzipiramidale
Continua la battaglia mediatica tra Dexcar e il popolo di Facebook,

sono tante le persone che si schierano a favore della Dexcar ed altri che fanno notare come il sistema di network sia basato su un sistema piramidale o Ponzi. LEGGI L'ARTICOLO

Quello che viene da pensare è che le persone che si schierano a favore siamo quelle che stanno ancora aspettando la macchina e che hanno versato la somma minima di ingresso alla community di € 390,00 ricevendo buoni carburante in cambio e senza nessun rischio di perdita (a detta di molti).
Quindi chi ha ragione ? Chi ha torto ?

Abbiamo voluto giocare con i numeri e ci è venuto in mente di emulare questo sistema di lavoro !!!

Ora provate insieme a noi a escludere le automobili e parliamo solo in termini di denaro.

Vi chiediamo di versarci € 390,00 oggi e se avete pazienza di trovare tante altre persone disposte a versare € 390 vi promettiamo che tra due anni circa vi restituiremo GRATIS una somma di denaro di circa € 7000,00 (l'equivalente di spesa di una macchina a noleggio utilitaria in due anni di noleggio) da spendere come vi pare ed intanto vi regaliamo anche noi qualche cosa.


A detta di Dexcar è possibile ! E' legale ! Non c'è niente di strano !!!

Solo perché la cifra di € 7000,00 trasformata in noleggio di una auto completa di tutti i servizi ?

Ma chi l'ha pagato questo noleggio ??? Dexcar ? Con quali soldi ???
Tutte le bugie del Network

Dato che in Italia tutto è concesso che aspettate a inviarci i vostri bonifici, ci rivediamo tra due anni ... sembra tanto la favola del campo dei miracoli di Pinocchio ma almeno le sue bugie erano evidenti ed innocenti.

Ci auguriamo che venga fatta luce su questa vicenda per voltare pagina e parlare di altro.
Questo articolo non vuole accusare nessuno, sono solo considerazioni basate su articoli scritti in altri blog reperibili in rete.
Voi cosa ne pensate ???



Operazione CARDREAM facciamo chiarezza sul sistema

Pubblicato da in Notizie dai Blog ·
Tags: dexcarfinanzanews
Noleggiare un'auto a 390 euro ? Qualche dubbio c'è

Un sistema che promette di rivoluzionare il mercato dell'automobile. Dexcar è un servizio di noleggio a lungo termine che offre anche la possibilità di "riscattare" il veicolo con una procedura che, però, ricorda i sistemi piramidali. Abbiamo analizzato il contratto riga dopo riga: ecco perché non convince.

Indagini in corso

Perché acquistare un'auto, quando è possibile noleggiarla gratis e, quindi, entrarne addirittura in possesso? Lo slogan di Dexcar in cui si sono imbattuti in tanti, fa leva proprio sulla possibilità di avere un veicolo nuovo di zecca gratuitamente. Il sistema, che promette di rivoluzionare il modo il cui si acquista un'auto, ha suscitato la curiosità degli appassionati di motori in rete. Lo avete segnalato in tanti e, mossi dalla curiosità, abbiamo provato a vederci chiaro.
Che cos'è Dexcar?

Si tratta di una community che offre il noleggio per due anni di autoveicoli nuovi a condizioni apparentemente strepitose. Come si accede al servizio di Dexcar? Una prima modalità prevede la registrazione a cui segue un colloquio con un "advisor", si sceglie quindi un'auto e si paga il canone di noleggio. La modalità che suscita qualche perplessità, però, è la seconda: una sorta di prenotazione che, con un contributo iniziale di 390 euro, promette il noleggio di un'auto per due anni, comprensivo di assicurazione, manutenzione e cambio gomme. Se poi si rimane nel giro, il noleggio può protrarsi all'infinito, per ottenere auto di categorie sempre superiori.

4.000 aderenti in Italia, circa 30 auto consegnate

Un primo aspetto che salta all'occhio è la scarsità di informazioni e anche il fatto che è difficile trovare qualcuno che abbia realmente usufruito del noleggio. Cercando tra i diversi siti, a ottobre risulterebbero consegnate una trentina di auto in Italia, a fronte di un numero di iscritti che oscilla tra i 3.000 e i 4.000. Il sito ufficiale, inoltre, è dexcar.ch e la società si presenta come "Agenzia di noleggio auto" con sede a Essen, in Germania. Il sito spiega molto poco, ma in rete si trovano le testimonianze e le promesse incredibili dei tanti aderenti che assicurano che, dopo il noleggio a lungo termine, in un anno o due si entrerà in possesso dell'auto.

SITI WEB PER SMARTPHONE

Cerchiamo informazioni sul sito ufficiale

Leggiamo con attenzione i termini contrattuali, senza tralasciare i cinque allegati (peccato che due, in realtà, non siano disponibili). In pratica il cliente versa una cifra minima di 390 euro per prenotare il noleggio di un'auto da scegliere sul catalogo disponibile online tra quelle di prima fascia (Opel Adam, Polo, Smart). Il cliente, così, compra il posto all'interno di una matrice in cui ci sono 15 posizioni distribuite su quattro livelli: si parte con il primo livello nella prima posizione e si avanza fino al quarto livello, man mano che altri clienti aderiscono al sistema e prendono il suo posto. Scalata la prima matrice (chiamata "Tavolo"), si accede a una seconda struttura identica alla precedente, quindi alla terza. Completato anche quest'ultimo step, si ha diritto all'autonoleggio per due anni. Quanto tempo è necessario per terminare questa procedura? Dicono al massimo due anni, ma in realtà tutto dipende da quante persone aderiscono.
Qualche rapido calcolo

Quante persone devono aderire al sistema per ripagare il costo dell'auto e dei servizi offerti ai clienti? Facendo un calcolo veloce, completando le prime tre matrici (composte da 15 persone) si accantonano 17.550 euro (45 persone in totale che versano 390 euro ciascuna). Questa cifra può coprire al massimo il costo per un cliente. Supponendo che Dexcar raggiunga 4.000 clienti, ipotizzando un costo medio di 16.000 euro per auto e servizio, significa che sono necessari 64 milioni di euro. Per raccogliere questa cifra, però, occorrono più di 16.400 nuovi associati ai quali bisognerà consegnare altrettante auto e via crescendo. Facile presupporre che molti clienti rimarranno a bocca asciutta. Contrariamente a quanto si lascia intendere, però, dalle condizioni contrattuali si legge che "non è sempre garantita la completa esecuzione dell'ordine dell'acquirente attraverso il Programma Marketing Bonus". Chi resta fuori, quindi, perderà la cifra trattenuta per l'elaborazione ordini: cifra che, se interpretiamo correttamente il contratto, va dai 60 ai 530 euro, a seconda del modello di auto scelto.

Ambire a una Maserati in sei anni?

Una volta completato le matrici il cliente non esce dal giro, ma continua a riempire matrici per accedere ad auto di classe superiore. Completando 12 cicli, così, si può ambire a una Maserati. Non è chiaro, però, quanto ci si impiega: se ogni ciclo dovesse essere completato in sei mesi, per la Maserati sarebbero necessari sei anni? Per ovviare alle tempistiche che rischiamo di essere eccessivamente dilatate, però, si può accorciare il percorso accedendo direttamente a matrici superiori: 1.710 euro per saltare la prima matrice e fino a 16.210 euro per accedere direttamente alle ultime due.
Sul sito non si parla di recesso

Proseguendo con le condizioni contrattuali, emerge che gli aspetti poco chiari sono diversi. Sembra che sia possibile annullare l'ordine, ma non viene spiegato come fare. Sul sito non si parla neanche di recesso, come previsto dalla normativa sugli acquisti online, ma spiega che "l'acquirente ha il diritto di annullare l'ordine, senza fornire spiegazioni all'azienda, entro 14 giorni di calendario dal momento in cui viene effettuato l'ordine sulla tabella degli ordini corrispondente." e che la cancellazione può essere eseguita attraverso "l'Ufficio Virtuale personale dell'acquirente". Per annullare l'ordine, inoltre, la fase successiva prevede il pagamento di una quota in base alle cifre riportate sulla tabella (Allegato 4) che, neanche a dirlo, non è accessibile.
Come avviene la consegna dell'auto



Arriviamo alla consegna dell'auto. Una volta terminato il percorso, il cliente ha due possibilità. La prima è quella di ritirare l'auto nella sede della società (che, a quanto pare, è in Germania) oppure se la fa consegnare a sue spese. In nessuno dei due casi, però, è possibile avere ulteriori dettagli: sul sito, infatti, non compaiono gli indirizzi delle sedi e neanche l'ammontare dei costi per la consegna, gli allegati con i costi non sono disponibili.

Segnalazioni informano che il gruppo facebook Dexcar Italia è magicamente scomparso !!!





I peggiori incubi diventano realtà

Pubblicato da in Novità cinema ·
Tags: SOMNIAFILMHORROR
I peggiori incubi evocati dalla fantasia di un bambino diventano realtà in una escalation di terrore senza tregua





Cody ha otto anni, ha perso la mamma a tre ed è stato affidato a una coppia che, secondo l'assistente sociale, si è rivelata poco adatta. Una successiva coppia addirittura lo ha abbandonato senza spiegazioni. Desiderosi di riavere un figlio dopo averne perso uno in circostanze drammatiche, Jessie e Mark lo prendono in affidamento sperando di ricostruire la loro vita e di riassestare il loro rapporto di coppia. Il primo approccio è ottimo: Cody è un bambino educato, gentile e affettuoso. Ha però un problema: ha paura di dormire e perciò prende stimolanti per stare sveglio. Il motivo è che ritiene che, nel sonno, arrivi l'Uomo Cancro, un mostro che ha mangiato sua mamma. Jessie lo tranquillizza, ma presto cominciano ad accadere cose strane, a partire da una curiosa invasione serale di farfalle (Cody è appassionato di farfalle). Più inquietante è l'apparizione notturna di quello che Jessie identifica come Sean, il figlio morto, ritenendo che sia arrabbiato perché l'hanno sostituito con Cody. Al gruppo di sostegno psicologico, spiegano a Jessie che si tratta di un sogno a occhi aperti, non di una cosa reale, ma la sera dopo Sean ricompare, in piena vista, e anche Mark lo vede. Subito però, come le farfalle, scompare. Compare invece Cody per scusarsi, ma come può avere un ruolo in quello che è successo? I coniugi lo scopriranno presto e non sarà una bella scoperta.
NOLEGGIO AUTO DRIVE SOLUTIONSTra La zampa di scimmia (il desiderio di riportare in vita chi non c'è più attraverso metodi soprannaturali), Il killer di Satana (il desiderio di vivere in forma vicaria emozioni e sentimenti sfruttando qualcun altro come "vettore"), il recente Babadook (per il rapporto tra un bambino e una presenza mostruosa e "impossibile"), Shining (per l'imperscrutabile "dono" posseduto dal bambino) e altre ascendenze più o meno velate, il gioco emozionale che vede per protagonisti due genitori tormentati dalla perdita del loro figlioletto e un nuovo bambino strano e gentile fa presagire sviluppi interessanti per la vicenda, poi in parte disattesi per entrare in una più confortevole e scontata, ai fini horror, zona Freddy Krueger.
I diversi atteggiamenti dei genitori adottivi - Mark, più realista e meno psicologicamente turbato, e Jessie, incapace di superare il trauma della perdita del figlio e più sensibile alle lusinghe di un passato che potrebbe tornare - aiutano comunque a mantenere la tensione drammatica e far sentire reale il senso della perdita, anche quando i meccanismi si fanno più usurati e prevedibili. Il risvolto finale riporta tutto all'interno di una logica parzialmente consolatoria insolita nel genere horror e, per questo, benvenuta, per il tentativo di cercare soluzioni meno battute e di mantenersi coerente con il pathos accuratamente costruito nel corso della prima parte del film. Certo, è una soluzione cui si arriva attraverso un procedimento investigativo un po' facile e con scorciatoie emozionali un po' ripide, ma non è disprezzabile.
Il cast offre una buona prova, nel complesso. Kate Bosworth era stata un'affascinante Lois Lane in Superman Returns e qui si conferma attrice bella e sensibile. Thomas Jane ha un compito più facile, in un ruolo più aderente alle convenzioni, e lo svolge in modo efficiente. Spicca la prova del piccolo Jacob Tremblay, misurato ed efficace. Mike Flanagan si era fatto notare in campo horror con Oculus - Il riflesso del male e ribadisce una buona propensione per il genere, aiutato dalla suggestiva fotografia di Michael Fimognari che eccelle nella creazione di un'atmosfera cupa e inquietante e si concede qualche surreale sprazzo visionario nel finale. Particolare cinefilo: a un certo punto i coniugi vedono in Tv La casa dei fantasmi, un classico di William Castle con Vincent Price.

GUARDA IL FILM SOMNIA ONLINE







Euro 2016, Germania-Ucraina 2-0

Pubblicato da in SPORT - CALCIO ·
Tags: CampionatiEuropeiCalcioGermaniaUcraina
Risolvono Mustafi e Schweinsteiger

GERMANIA 2 - UCRAINA 0 - 13/06/2016

Gruppo C: i tedeschi vincono 2-0 coi gol dell'ex doriano Mustafi nel primo tempo e Schweinsteiger nel recupero. La squadra di Low convince, ma ci vuole un ottimo Neuer per non prendere gol.

No, non è per la cabala. Quella che accreditava la Germania di 6 vittorie e 5 pareggi negli esordi agli Europei giocati. I tedeschi, che piegano una buona Ucraina 2-0 nella seconda partita del gruppo C, vanno accreditati tra le favorite assolute, nonostante le crepe difensive e un esordio più sofferto del previsto. C'è troppa qualità in campo, distillata fin da inizio manovra. Il telaio, in fibra di attitudine tedesca, è ingentilito da spruzzatine di guardiolismo e da un tasso di piedi buoni da aliquota al 70% del reddito.

La risolve Mustafi, sostituto dell'acciaccato Hummels, uno per cui nessun tifoso della Samp si strappò le vesti quando se ne andò a Valencia due estati fa. Poi Schweinsteiger, appena entrato, mette il timbro nel recupero. L'Ucraina perde, ma non avrà bisogno del Prozac per risollevarsi: è stata in partita fino alla fine. Non ci fosse stato Neuer poteva anche finire diversamente. E la Polonia, vera rivale per il secondo posto del gruppo, non è apparsa più forte.



BELLA PARTITA — La Germania parte forte, con Draxler ed Hector, a sprazzi una spina nel fianco sulla sinistra, a sciupare buoni palloni. Neuer si scalda su Konoplyanka (meglio lui dell'altra stellina Yarmolenko) , poi dopo il gol, una gran testata sulla pennellata di Kroos, la partita si mantiene molto aperta. Due squadre più brave ad attaccare che a difendere: gli ucraini sono troppo passivi nel portare la pressione, la Germania è vulnerabile sugli esterni e negli automatismi Mustafi-Jerome Boateng, che evita l'autogol perché ha doti fisiche e di coordinazione fuori dal comune.

Occasioni auto in Sardegna
Muove la tua passione di auto, promo in corso clicca qui

QUANTI KHEDIRA CI SONO? — I tedeschi hanno troppo poco da Ozil, molto da Kroos e moltissimo da Khedira, che quando è sano è tra i primi 7/8 centrocampisti d'Europa. La Juve lo ha preso gratis: ecco perché il gradimento di Marotta nell'ambiente Juve si sta impennando come una Hit delle Paola&Chiara dei bei tempi . Goetze è il terminale offensivo perfetto per una squadra che alza pochissimo la palla, ma che non sempre è impeccabile dietro e soffre le transizioni difensive. Se l'Ucraina avesse qualcosa di meglio di Zozulya come terminale offensivo, per Neuer sarebbe stata ancora più dura. Ma purtroppo per Fomenko, Sheva ha smesso qualche anno fa. Il girone viaggia già in discesa, ma Low sa già dove lavorare in vista delle sfide chiave di Euro 2016. Perché sul fatto che la Germania le giocherà, dubbi ce ne sono pochini.




Il sogno di una auto nuova quasi gratis diventa truffa: 23mila vittime di una catena di Sant'Antonio sul web

Pubblicato da in Notizie dai Blog ·
Tags: dexcarcardreamfinanzasequestrositotruffa
CHIUSO IL SITO DI UNA AZIENDA CHE NEGLI ULTIMI MESI SPOPOLAVA SUL WEB E SU FACEBOOK PROMETTENDO AUTO A "NOLEGGIO QUASI GRATIS"

La guardia di finanza del comando provinciale di Biella ha smantellato un sistema criminale che in un anno e mezzo era riuscito a raccogliere più di 10 milioni di euro promettendo alle vittime sparse in tutta Italia che, pagando somme prestabilite, avrebbero potuto guidare berline di lusso per 24 mesi, grazie alla formula del noleggio. L'operazione “Car Dream” ha portato ad indagare per truffa due fratelli astigiani pluripregiudicati che avevano messo in piedi il business grazie a un sito web e a una società, ufficialmente operante in Germania, gestita da 3 manager che sono finiti nel mirino degli investigatori insieme a uno dei promotori che cercavano di attirare nuove vittime. I baschi verdi erano sulle tracce del gruppo criminale da diversi mesi e, a febbraio, sono riusciti a partecipare a Biella a uno degli incontri che, periodicamente, venivano organizzati in tutto il Paese per continuare a portare avanti la truffa.

Come in tutte le catene di Sant'Antonio erano le vittime stesse, poi, ad attrarre nuovi malcapitati: l'unica speranza di riuscire ad ottenere l'agognata berlina era infatti portare nuovi iscritti al sistema e salire di livello fino ad accedere a quello dei beneficiati di una Maserati. Come spiegava bene il sito online, ora oscurato dai finanzieri, la società tedesca prometteva di consegnare una vettura dopo qualche mese dall’ingresso nel sistema a quelli che avessero versato una quota mediante bonifico. L'auto sarebbe stata concessa a noleggio per 24 mesi senza che i beneficiari fossero gravati da ulteriori costi (compreso cambio
gomme, bollo, assicurazione). Alla scadenza dei due anni sarebbe stato possibile, se si fossero portati altri clienti, noleggiarne altre di classe e cilindrata superiori, fino ad arrivare alla Maserati. Degli oltre 23mila aderenti solo 84 hanno ricevuto una delle macchine promesse. I finanzieri non sono riusciti a identificare ancora tutte le vittime e invitano “le persone che si ritengono truffate a presentare denuncia presso il più vicino comando della Guardia di Finanza”.


potrebbe interessarti anche questo articolo: «Auto a noleggio “gratis” per due anni? Andiamoci piano»

Il nostro parere: in un momento crisi collettiva è mai possibile secondo voi che versando una quota associativa poco meno di € 500 si possa guidare una macchina nuova per due anni completa di tutto Assicurazione, Bollo, Tagliandi ect. etc ???
Ci sono compagnie di noleggio sul mercato da anni che forniscono ad aziende ed oggi anche ai privati soluzioni di noleggio a breve termine e lungo termine fino a 60 mesi con canoni mensili che partono da € 150 in su, ma sono mensili e facendo due conti sono molto vantaggiosi in rapporto al sistema tradizionale di acquisto dell'auto. Quindi come è possibile che una azienda "regali" il noleggio ??? Non vogliamo parlare di truffa, ma di trucco si ! Il trucco c'è e si vede, ma chi crede nelle favole tende a non volerlo vedere. Il sistema di conteggio è facile se un noleggio costa 150€ al mese per due anni sono € 3600 da pagare. Se trovassi 10 persone disposte a darmi € 500,00 incasserei € 5000,00 quindi potrei dare al primo una macchina a noleggio per due anni e tenermi il guadagno di € 1400 in tasca. Poi ho tempo due anni per consegnare le altre 9 auto a chi a versato € 500 e se non ce la facessi posso sempre ridargli le 500€ e dirgli grazie di aver creduto nel mio progetto. Fin quà sembra tutto facile, ma se invece dopo due anni prendo e scappo con il bottino di centinaia o migliaia di persone che hanno creduto di poter guidare una macchina nuova per due anni con solo €500 ???

Voi che ne pensate ? Ci piacerebbe conoscere la vostra eperienza e pensiero.



FILM GRATIS E SERIE TV - ABBIAMO SCOPERTO QUESTO ...

Pubblicato da in Novità cinema ·
Tags: INFINITYFILMGRATIS
TI PIACEREBBE VEDERE GRATIS LE TUE SERIE TV PREFERITE E TANTISSIMI FILM DIRETTAMENTE DAL TUO SMARTPHONE ?

Tra la scelta di più servizi che offrono la possibilità di vedere film streaming, abbiamo provato NETFLIX nonostante che il servizio ci sia piaciuto, abbiamo trovato il catalogo ancora un pò povero di titoli, le serie TV sono interessanti, l'offerta proposta ci ha attirato, 30 giorni di prova e poi € 7,90 al mese. Mica male no ???

FILM NETFLIX

Poi abbiamo provato INFINITY e la cosa che ci è piaciuta di più è la scelta dei titoli, che arricchiscono il catalogo. Le serie TV sono diverse da quelle di NETFLIX.

TV INFINITY

Alla fine abbiamo scelto INFINITY proprio per la tipologia di serie TV, l'offerta di INFINITY è così proposta € 5,90 in promo fino al 5 di Giugno e dopo € 7,90 al mese, decidiamo quindi di accettare la promozione, per errore clicchiamo su annulla offerta, e INFINITY che cosa ci comunica ?

NON CI LASCIARE CON SOLO € 2,90 PER TRE MESI SARAI ANCORA CLIENTE DI INFINITY - DOPO € 7,90

Come non poter accettare a questo punto l'offerta di INFINITY... troppo allettante !!!

Se non avessimo fatto questo piccolo errore avremmo accettato automaticamente il rinnovo a € 7,90 previsti dall'offerta dopo i 30 giorni di prova gratuita.
Quindi avete capito ?? Prima di accettare il rinnovo automatico del servizio INFINITY vi conviene dare disdetta prima dei 30 giorni Gratis, otterrete tre mesi di FILM e SERIE TV con solo € 2,90 per tre mesi.

SPERANDO CHE QUESTO ARTICOLO POSSA ESSERVI STATO UTILE LASCIATE UN COMMENTO - GRAZIE

auto a partire da 8 euro



Fido ci capisce veramente: lo conferma uno studio

Pubblicato da in News animali ·
Tags: comunicarecani
Chi ha detto che i nostri amici a quattro zampe non ci capiscono veramente? Una recente ricerca pubblicata su “Current Biology” e condotta dall’Università del Sussex ha costatato che Fido non solo riesce a comprendere la voce, ma anche le parole che gli vengono rivolte dal padrone, elaborando il linguaggio umano in maniera molto simile al nostro.

i cani ci capiscono sul serio

A tal risultato si è giunti - si apprende da un articolo pubblicato su notizie.it - sottoponendo circa 250 cani a un test: son stati trasmessi loro suoni umani e frasi attraverso due altoparlanti, situati uno a destra e l’altro a sinistra dell’animale. Utilizzando un sintetizzatore vocale, gli psicologi hanno così dimostrato che, quando viene impartito a Fido un comando familiare, nell’80% questo gira la testa verso destra. Se, invece, il comando viene dato in lingua straniera e che il cane non conosce o, ancora, viene pronunciato con errori di grammatica oppure omissioni di consonanti, Fido tende a girare la testa verso sinistra.

Premesso che l’emisfero sinistro è specializzato per interpretare il contenuto verbale, mentre quello di destra è capace di analizzare la voce e il contenuto emotivo di questa, si comprende come nel primo caso dell’esperimento i cani siano più concentrati sulle parole e non sull’emozione Nel secondo caso, invece, tentano di decifrare il  il senso più emotivo delle frasi che vengono loro rivolte. Nessun dubbio, quindi. I nostri amici a quattro zampe comprendono più di quanto immaginiamo ciò che gli diciamo.

Apri il tuo ufficio di noleggio nella tua città
Come aprire una attività di Noleggio nella tua città ???



GUADAGNARE GUARDANDO LA TELEVISIONE

Pubblicato da in News Tecnologiche ·
Tags: moneboxtvlogokguadagnare
http://logokwebagencypisa.tumblr.com/post/142028809359/la-rivoluzione-sullo-schermo-del-tuo-televisore
 

Moneyboxtv è un Decoder Android che permette di presentare ogni giorno ai nostri utenti un certo numero di pubblicità mentre guardano la televisione, vedono un dvd o un film sul web, navigano, lavorano, giocano o ascoltano musica, senza interrompere i programmi televisivi visualizzati.
Vedere la nostra pubblicità porta all’utente moneybox tv un guadagno ogni volta che:
Visualizza una nostra pubblicità (banner).
Clicca su un banner ed entra nel sito o vede un video dello sponsor
Partecipa ad un programma di affiliazione
Acquista un prodotto o un servizio da un nostro sponsor
Vantaggi che offre MoneyBoxTV:
Crea una rendita mensile
Aiuta le famiglie a risparmiare sugli acquisti e sulla spesa quotidiana
Aiuta a risparmiare sui servizi di largo consumo come la bolletta della luce e del telefono, gli abbonamenti alle pay tv, ecc.

per ricevere informazioni scrivere alla nostra redazione: info@logok.it



22 ragioni per amare Doom: continua la celebrazione per i 22 anni della serie

Pubblicato da in Game News e recensioni ·
Tags: doomgame
Ecco quindi alcune ragioni per amare Doom:



Fucile a pompa / Doppietta

Parte della popolarità di DOOM è attribuibile alle sue iconiche armi, compresa una delle più iconiche di sempre: lo shotgun, il fucile a pompa. Originariamente ispirato a un giocattolo (il primo modello è ancora custodito in una teca negli uffici della id Software), quest'arma aveva una notevole potenza di fuoco, e ancora oggi, nel nuovo capitolo della serie, fa il suo sporco lavoro. "Adoro la doppietta", afferma il responsabile generale Garrett Young. "È incredibile!", conferma il produttore esecutivo Marty Stratton, aggiungendo "La combinazione dei rapidi movimenti del giocatore con la potenza a corto raggio della doppietta è davvero godibile". È l'arma preferita anche dell'animatore senior Brett Paton. "Credo il più bello tra i fucili visti in tutti gli altri giochi... e se ne sono visti di molto buoni", afferma. "Ha un aspetto e una potenza incredibile. Inoltre, nasconde qualche asso nella manica...".

Schiere demoniache

Delle armi potenti sarebbero inutili senza dei feroci nemici da affrontare sulla propria strada. DOOM riporta in auge le sue schiere di demoni, compresi i Revenant, i Mancubus, i Pinky, gli Imp e i Cacodemoni. Il team di id si è ispirato ai titoli originali, reinventando questi nemici iconici per creare qualcosa che si adattasse alla visione del nuovo gioco. E qui all'id, tutti hanno un proprio nemico preferito. "Adoro il nuovo Mancubus", afferma Stratton. "Ha un aspetto interessante e sembra divertente da affrontare". Il capo ambienti Lear Darocy preferisce l'evoluzione di un altro cattivo. "Il Cavaliere infernale era un demone molto minaccioso in DOOM 3", spiega Darocy: "nel nuovo DOOM, abbiamo ricreato tutto ciò che rendeva unico questo demone e l'abbiamo portato persino oltre". Young, invece, è attirato da un nemico più piccolo. "I nostri bestioni mi spaventano, ma il mio preferito è probabilmente l'Imp", spiega Young. "Si muove rapidamente, ti spara dalle pareti e, alle difficoltà più elevate, può distruggerti con le sue palle di fuoco. Siete stati avvertiti.".
Motosega
Sì, è tornata. Sì, è più brutale che mai. Ma questa volta, gioca anche un ruolo strategico. Sebbene il suo carburante sia molto limitato, è una letale alternativa che non solo sventrerà ferocemente i demoni, ma fornirà anche abbondanti munizioni, spesso nei momenti di maggiore bisogno.

Un arsenale di opzioni

Per il progettista Peter Sokal, le meccaniche di gioco di DOOM si possono riassumere in una frase: "Grazie alle velocità e alle armi, DOOM vi fornisce tutti gli strumenti per dominare ogni incontro". Similmente al team grafico (vedi la Parte 1), anche il team progettazione della id si basa sulla collaborazione, in aperto contrasto con il solitario DOOM Marine. Sokal è particolarmente orgoglioso di come il team continui ad analizzare il proprio lavoro per migliorare l'esperienza di gioco. "Sul lavoro, ci forniamo continuamente feedback a vicenda. Questo ci aiuta a crescere come squadra, a collaborare di più e, in definitiva, a ottenere risultati migliori.". È tutta questione di esplorare le alternative migliori, cosa che si riflette nel gioco stesso. "Sebbene ci siano molti aspetti apprezzabili del gioco, uno dei principali è la varietà di opzioni sull'approccio ai combattimenti", sostiene Sokal. "Abbiamo elementi di personalizzazione che assicurano esperienze di gioco molto diverse. Non vedo l'ora di scoprire quali combinazioni troveranno i giocatori.".

Combattimenti sostenuti

Il fulcro delle meccaniche di gioco è il concetto di "combattimenti sostenuti", un'evoluzione che ha definito gli scontri del DOOM originale. "Il nostro direttore animazioni e il suo team sono stati i primi a coniare questo termine", spiega Stratton. "Il termine è nato dall'idea che molti FPS frenano i giocatori: nasconditi dietro un riparo, arretra... DOOM, invece, vi spingerà a procedere, a essere più veloci dei nemici e a ingaggiarli direttamente. Usando le armi per mettere in scacco i nemici e sfruttando al meglio la velocità del personaggio e le sue violente mosse ravvicinate (uccisioni epiche), abbiamo creato qualcosa di avvincente e adatto al tono, alla velocità e allo stile di DOOM.". "Lo stile sostenuto dei nostri scontri ricompensa i giocatori per un approccio alle sfide aggressivo e diretto", aggiunge Sokal. "Se la vostra salute scarseggia, caricate il demone più vicino e tagliatelo in due per ripristinare una buona fetta della salute. Poche munizioni? Impugnate la motosega e fate a pezzi il nemico per ricaricare le munizioni. Per me, sono questi i momenti più appaganti del gioco.". Come intuibile dalle parole di Young, sparare non è l'unica cosa che conta in DOOM. "Ciò che molti non comprendono è che il DOOM originale non si limitava soltanto allo sparare: la cosa più importante era il movimento. Puntare era facile, non c'era alcun mirino. La sfida era restare vivi e ciò richiedeva movimenti rapidi. Il DOOM di oggi si basa su questa lezione. Sì, c'è un mirino, ma chi resta fermo in un punto troppo a lungo è spacciato. Volete vincere? Muovetevi.".

Nuove armi per la campagna singleplayer

Il movimento sarà anche la chiave per restare in vita, ma il DOOM Marine avrà comunque bisogno di tutti gli armamenti pesanti che riuscirà a trovare. Oltre alle classiche armi (completamente aggiornate), DOOM vanterà due nuove armi per le modalità giocatore singolo: il cannone Gauss e il fucile d'assalto.

Il suono delle ferite

Non basta uccidere i demoni. I giocatori vogliono sentire sulla propria pelle la potenza pura del DOOM Marine. Per migliorare la sensazione di dominazione totale, non c'è niente di meglio di una buona progettazione audio. In effetti, è proprio questo il principio guida del team audio di DOOM: "Definire e creare un'esperienza audio basata sulla potenza fantastica del DOOM Marine", spiega Hite. Un compito difficile, ma centrato in pieno dal team. "Il nostro gioco suona unico sotto diversi aspetti e sono davvero orgoglioso di questa sua unicità", afferma Hite. "Abbiamo ottenuto un buon mix di vecchio e nuovo". Cosa aiuta nello specifico a portare in vita questa potenza fantastica? Hite segnala due aspetti in particolare. Primo, le armi: "Non vediamo l'ora di farvi ascoltare i suoni delle armi del DOOM del 2016", dice. Secondo, le musiche: "Gli accompagnamenti musicali sono un mix perfetto tra le tracce originali di Bobby Prince e le moderne innovazioni", spiega Hite. "È un esempio di come dovrebbe suonare uno sparatutto fantascientifico moderno".

DOOM GAME



Pink Floyd: 43 anni fa usciva 'The Dark Side Of The Moon' in america

Pubblicato da in News Musica ·
Tags: PINKFLOYD
Speak to Me + Breathe, On the Run, Time + Breathe (Reprise), The Great Gig in the Sky, Money, Us and Them, Any Colour You Like, Brain Damage, Eclipse… una manciata di brani che hanno cambiato la storia della musica!



Originariamente pubblicato in America il 10 marzo 1973, "The Dark Side of The Moon" è diventato il primo album dei Pink Floyd a raggiungere la vetta della chart Statunitense collezionando ben 741 settimane di stazionamento nella classifica US tra il 1973 e il 1988 mentre sommando le settimane di presenza nelle chart Inglesi, l’album arriva ad un incredibile totale di 30 anni di permanenza nelle classifiche degli album in UK.
Album tra i più venduti ed acclamati dalla critica di tutti i tempi, “The Dark Side of The Moon” è inoltre ben impresso nell’immaginario collettivo per l’iconica copertina, realizzata da Storm Thorgerson dello studio grafico Hipgnosis dopo la richiesta di creare un’immagine semplice ed audace.

PINK FLOYD - THE DARK SIDE OF THE MOON

Ricordiamo che David Glimour dei Pink Floyd sarà in Italia a Luglio per 2 imerdibili date dal vivo, qui potete scoprire tutti i dettagli.

fonte articolo: http://www.comingsoon.it/

BASI MUSICALI - KARAOKE - WWW.KARAOKANTO.IT



Mike Tyson e un Bruce Lee digitale in Ip Man 3 in arrivo nelle sale anche in Italia

Pubblicato da in Novità cinema ·
Tags: IPMAN3BRUCELEEMIKETYSON
Quella di Ip Man, diretta da Wilson Yip e interpretata da Donnie Yen, è una serie di arti marziali molto amata, che si basa liberamente sulla biografia del leggendario maestro di Wing Chun Yip Man, quello che ha addestrato un giovane Bruce Lee e che è stato raccontato anche da Wong Kar-wai in The Grandmaster.
Giunta al terzo capitolo, previsto in uscita nelle sale cinesi per i primi mesi del 2016, le cose per la serie inziano a farsi spinose. O forse solo per i suoi spettatori.

il ritorno di Bruce Lee nel film Ip Man 3°

Perché nelle ultime ore è circolata la curiosa notizia per la quale nel cast di Ip Man 3 ci saranno Mike Tyson, l'ex campione mondiale dei pesi massimi di pugilato, al quale pare andrà un ruolo di una certa importanza (quello di uno street fighter che sfiderà il personaggio di Donnie Yen), e anche un Bruce Lee ricreato in CGI.
A quanto pare, infatti, la produzione non ha trovato un attore in grado di interpretare in maniera soddisfacente un personaggio mitico come quello di Lee, e ha optato per una soluzione tecnologica che intimorisce un po'.
D'altronde, c'è da dire che fin da pochi mesi dopo la sua morte, il cinema ha sempre cercato il modo di superare con la tecnologia (dal montaggio al digitale) l'assenza di Bruce Lee, contribuendo così a farne una figura sempre più fantasmatica e, quindi, mitica.
Non resta altro da fare che aspettare  vedere cosa combineranno i tecnici di Ip Man 3; e chissà che non decidano di affidarsi ai realizzatori del cortometraggio in CGI A Warrior's Dream, che nel 2013 raccontava proprio di una sfida a colpi di kung fu tra Donnie Yen e il suo mito Bruce Lee.





Sigarette, dal 2 febbraio la nuova legge: tutte le novità

Pubblicato da in Notizie dai Blog ·
Tags: „Sigarettedal2febbraiolanuovalegge:tuttelenovità“
Sigarette, dal 2 febbraio la nuova legge: tutte le novità

Gettare i mozziconi di sigarette a terra costerà caro. Dal 2 febbraio in vigore il collegato ambientale che prevede multe fino a 300 euro per chi si macchierà di questa colpa. Il testo prevede all'art.40 anche il divieto di gettare fuori dai cassonetti gomme da masticare, scontrini e fazzoletti di carta "al fine di preservare il decoro urbano dei centri abitati e per limitare gli impatti negativi derivanti dalla dispersione incontrollata nell'ambiente di rifiuti di piccolissime dimensioni".

DOVE FINIRANNO I SOLDI - Il 50 per cento delle multe sarà versato all'entrata del bilancio dello Stato per essere riassegnato ad un apposito fondo, istituito presso lo stato di previsione del ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare mentre, il restante 50 per cento sarà destinato ai comuni che avranno somministrato le multe e potrà essere utilizzato per campagne di informazione sul tema, volte a sensibilizzare i consumatori sulle conseguenze nocive per l'ambiente o per la pulizia del sistema fognario urbano.

NUOVI DIVIETI - Dal 2 febbraio scatta il divieto di fumo in auto in presenza di minori o di donne incinte e all’esterno degli ospedali. Il divieto di vendita ai minori si estende, inoltre, alle sigarette elettroniche, alle ricariche con contenuto di nicotina e ai “prodotti del tabacco di nuova generazione”. Si inaspriscono anche le sanzioni ai tabaccai per la vendita ai minori: da 500 a 3mila euro per la prima violazione con la sospensione per 15 giorni della licenza, che sarà revocata in caso di reiterazione, con un’ammenda da mille a 8mila euro.

PACCHETTI SHOCK - Nel frattempo ci si prepara ad accogliere i pacchetti con immagini shock a colori, ad esempio di persone in ospedale a causa del fumo e di organi malati, accompagnate da avvertenze sulla salute (il decreto acclude un catalogo di immagini e testi), e dal numero verde al quale rivolgersi per smettere di fumare. La normativa prevede che fotografie e scritte coprano il 65% del fronte e del retro di ciascuna confezione, mentre oggi le scritte con contorno nero occupano il 30-40% del pacchetto.


PACCHETTI DA DIECI - Quanto ai prodotti, non ci saranno più sigarette aromatizzate. addio anche ai pacchetti da 10 pezzi, che si considera favoriscano l’approccio al fumo dei giovani, mentre le buste di tabacco da arrotolare non dovranno contenere meno di 30 grammi di prodotto. Le nuove confezioni cominceranno a circolare dal prossimo 20 maggio, mentre i “vecchi” pacchetti non potranno più essere immessi sul mercato dopo il 20 maggio 2017. “




Non ci posso credere è successo questo a Francesco Nuti

Pubblicato da in Notizie Shock ·
Tags: FrancescoNuti
Prato, "Francesco Nuti picchiato dal suo badante"

L'indagine della procura. Il gip ha disposto l'allontanamento dell'uomo, georgiano. L'attore ha scritto in un biglietto: "Ho paura"

Francesco Nuti Picchiato dal Badante"Pericolo. Ho paura", ha scritto Francesco Nuti quando il sostituto procuratore di Prato Antonio Sangermano lo ha incontrato, durante l'indagine, per ascoltarlo come vittima. Perché secondo la procura della città toscana l'attore e regista, malato da tempo, è stato maltrattato, umiliato e picchiato per oltre un anno dal suo badante, un georgiano di 35 anni che è ora è stato allontanato dal gip dall'abitazione e che sarà ascoltato tra dieci giorni. L'indagine è iniziata quando il fratello del regista, Giovanni Nuti, ha denunciato alla procura quanto raccontato da un giovane africano sostituto del badante, che di lì a poco sarebbe dovuto partire per le vacanze. Il ragazzo, durante il periodo di affiancamento, ha potuto osservare i maltrattamenti e ha raccontato tutto al fratello e alla nipote del regista, Margherita.
Ieri, al ritorno dalle vacanze, al trentacinquenne è stato immediatamente notificato l'atto del giudice per le indagini preliminari che dispone l'allontanamento dalla casa di Nuti. Tra le accuse mosse al badante georgiano, anche quella di non aver garantito l'igiene personale e la pulizia di Francesco Nuti e quella di aver omesso di somministrargli un farmaco addensante necessario all'assunzione degli alimenti e quindi alla loro corretta deglutizione.

Non c'è pace, dunque, per l'artista toscano disabile dal 2006 dopo quattro mesi di coma a causa di una caduta in casa. I primi problemi di salute erano iniziati però già negli anni 2000 dopo che l'artista cadde in depressione e diventò dipendente dall'alcol. In quegli anni Nuti tentò anche il suicidio. Nato a Prato nel 1955, la carriera artistica di Nuti inziiò con il trio comico dei Giancattivi, formato con Alessandro Benvenuti e Athina Cenci. I primi successi sono legati proprio al mondo della televisione con programmi come "Non Stop" e "Black Out". Nel 1981, il trio approda al cinema con il film "Ad Ovest di Paperino", diretto da Benvenuti. Nuti poi si separa dai due colleghi e, diretto da Maurizio Ponzi, interpreta "Madonna, che silenzio c'è stasera", "Io, Chiara e lo Scuro" e "Sono Contento". Tutti campioni di incassi al botteghino. Tra i suoi successi anche "Casablanca, Casablanca" con cui ha vinto uno dei suoi tre David di Donatello come miglior attore.Negli ultimi anni della sua carriera, prima dell'incidente e della malattia, è stato regista e attore ne "Il signor Quindicipalle" del 1998, "Io amo Andrea" del '99 e "Caruso, zero in condotta" del 2000. L'ultima apparizione in un film è nel 2005 nella pellicola di Claudio Fragasso "Concorso
di colpa".



Nel maggio 2014 in settemila persone sono accorse al Mandela Forum di Firenze per la festa di compleanno di Nuti a cui hanno partecipato, esibendosi gratuitamente, gli amici di sempre come Marco Masini, Carlo Conti, Leonardo Pieraccioni e Giorgio Panariello.






Successivo
Prodotto da Logok.it rag. soc. Fontanelli in Vecchiamo (PI) Via G.B. Niccolini 5 - P.iva 00695330506
Torna ai contenuti | Torna al menu